La squadra di Sardex si rinforza

Farchione, Marras, Notarianni, Ravaglia, Ridolfi. Chi sono e da dove provengono gli innesti del nuovo corso aziendale che aggiungeranno esperienza e qualità.

C’eravamo lasciati ad aprile con due novità importanti: la trasformazione societaria e la chiamata per il 1° Recruting Sardex 2016 che è stata un successo: abbiamo ricevuto più di 3 mila candidature. Sardex è da qualche mese una Società per azioni: più strutturata, più grande, più ambiziosa, e vuole continuare a essere al servizio delle imprese; attualmente sono più di 7 mila quelle aderenti agli undici Circuiti di Credito Commerciale ma, questo, è solo un punto di partenza. La prima selezione è stata impegnativa, lunga e ha comportato uno sforzo organizzativo notevole che non è finito. I nuovi innesti garantiranno qualità ed esperienza, indispensabili in questa fase d’espansione. Tutti hanno doti professionali e umane notevoli e arricchiranno ulteriormente il nostro già valido staff. Ve li presentiamo brevemente, dedicando a ciascuno un ritratto breve e non troppo serio.

 

Giuseppe Farchione: imprenditore, manager e advisor con esperienza ultratrentennale nel settore finanziario pubblico e privato, farà parte dell’assistenza tecnico specialistica alla nostra direzione partecipazioni e sviluppo. Dottore commercialista e revisore contabile ha rivestito le cariche di amministratore e di sindaco in società quotate in Borsa. Il professionista abruzzese, originario di Pescara, è attualmente CEO (Chief Esecutive Officer) di Liberex, il Circuito di Credito Commerciale dell’Emilia-Romagna e consigliere di amministrazione di Piemex, il Circuito Piemontese. Farchione ha collaborato, con prestigiose società internazionali ed è stato, per oltre 10 anni, socio e amministratore delegato della Holding di Investimenti FARO che ha contribuito a creare, in collaborazione con Pierluigi Zappacosta uno degli ideatori di Logitech.

Gian Paolo Marras: passato lavorativo nell’industria tessile – dove seguiva i processi di sviluppo del prodotto – e trascorsi recenti da primo cittadino a Ottana, ha accettato una sfida impegnativa: far parte di Sardex Lab, R&D (Research&Development) aziendale nata grazie all’aumento di capitale. Nello specifico, Gian Paolo studierà e proporrà prodotti dedicati alla pubblica amministrazione e alle imprese che appalteranno loro servizi e forniture. E lo farà sfruttando la profonda conoscenza acquisita nel suo ruolo di amministratore locale. Speranzoso di avere la giusta dose di “Sardex Factor” si dice affascinato dalla forte motivazione etica dell’azienda che punta a rivitalizzare l’economia locale rimettendo in connessione tra loro gli operatori economici. Pochi capelli ma molte idee chiare, punta forte sulle competenze, sulle cose fatte bene: «Bisogna attivare il motore “di scorta” che è costituito dal proprio sapere, scambiarlo all’interno di un circuito locale per far ripartire consumi ed economia».

Maso Notarianni: versione ridotta di un nome decisamente più lungo, Tommaso Ferdinando Nogara-Notarianni, è nato a Milano. Giornalista e fotografo, lupo di mare (tra le sue passioni c’è quella per la vela) e uomo di mondo – nel senso che lo ha girato in lungo e in largo – è il nuovo Responsabile comunicazione dell’azienda. Prende il timone che sino a poco tempo fa era nelle mani di Carlo Mancosu, uno dei fondatori di Sardex, passato a nuovo e più alto incarico. «Sardex è un progetto affascinante anche sotto l’aspetto comunicativo, la diffusione dei suoi valori in modi sempre nuovi rappresenta un grande impegno». Nelle sue vite lavorative precedenti, Maso è stato tra le altre cose corrispondente dall’Afghanistan per L’Unità, Il Manifesto, La Stampa e L’Espresso, responsabile comunicazione di Emergency e direttore di Peace Reporter. Inviato in una quantità incredibile di luoghi tra cui: Afghanistan, Nicaragua, Guatemala, Messico, Tunisia, Marocco, Sudan, Iraq. Ha scritto, girato e vissuto così tanto da avere una pagina su Wikipedia dove trovate le innumerevoli cose che ha fatto. L’auspicio è che ne realizzi almeno altrettante con Sardex.

Cesare Ravaglia: uomo d’ordine, nel senso che dovrà tenere in ordine i conti e dell’azienda, è il Responsabile dell’area amministrativa finanza e controllo. Coordinerà il settore amministrativo e finanziario, incluso il personale e il legale, per potenziarne le strutture e consentire di affrontare le sfide future che Sardex sarà chiamata ad affrontare. Romagnolo di nascita, sardo d’adozione, ha scoperto l’isola durante le vacanze quando era poco più che adolescente. Poi ci è tornato più volte, soprattutto per lavoro e ci si è trovato così bene tanto da decidere di fissarvi la residenza. Forte di una lunghissima esperienza in aziende di prestigio come Meridiana, Viaggi del Ventaglio, NCR Corporation, EVC (European Vinyls Corporation) ed Enichem, Cesare è uomo abituato alle sfide e poco incline alla routine: «Sono in un momento della mia vita professionale in cui posso decidere di fare quello che mi interessa. Sardex è un’azienda giovane, con soci e manager motivati, un business nuovo dalle potenzialità ancora inespresse».

Gianfranco Ridolfi: commercialista con oltre 25 anni di professione alle spalle, farà parte dell’assistenza tecnico-specialistica alla nostra direzione partecipazioni e sviluppo. L’esperienza per assolvere al compito nel migliore dei modi non gli fa certo difetto; il professionista, infatti, ha lavorato in numerose società internazionali: Price Waterhouse Coopers, API Petroli, Efibanca merchant, Euronics, LookCast e Cleardrop giusto per citarne solo alcune. Buon conoscitore di molti settori industriali (farmaceutico e biomedicale, ICT, compagnie aeree, elettronica), Gianfranco, assieme al collega e amico Pino Farchione, due anni fa è stato folgorato sulla via di Serramanna dopo l’incontro con Franco Contu, uno dei fondatori di Sardex.

 

Ma oltre a presentarvi i nuovi arrivati vogliamo ringraziare tutti coloro i quali hanno partecipato alla selezione; a breve, partiremo con la seconda campagna di rectruiting per il 2017. Tutti i profili che non sono stati scelti rimarranno in evidenza nelle nostre banche dati. «Le figure che abbiamo scelto – afferma il direttore generale Nicola Pirina – rispondono all’esigenza di dare spinta aggiuntiva a un’azienda già presente, al momento, in ben undici regioni italiane, Sardegna compresa, e con proiezione internazionale. Entro il 2017 contiamo di coprire l’intera penisola e di proseguire il processo di replica del modello all’estero nel 2018».

Continuate a seguirci, i prossimi a far parte della nostra squadra potreste essere proprio voi!

INSERITO IN:

Tag:

I commenti sono chiusi.

Ultime Recensioni