Econergia, l’ingegneria eco-sostenibile per imprese e famiglie

L’azienda di Sestu, specializzata nella progettazione e realizzazione di impianti fotovoltaici e di reti elettriche intelligenti, è nel Circuito dal 2013. Grazie al network ha trovato nuovi clienti, nuove opportunità di spesa e ha avuto la possibilità di effettuare investimenti anche consistenti a condizioni molto convenienti. «Sardex è cooperazione e fiducia».

Tre ingegneri con la cooperazione nel DNA e che hanno fatto della collaborazione il loro marchio d’impresa fuori e dentro il Circuito. Filippo Atzeni, Stefano Deiana e Antonio Giuseppe Meloni sono i fondatori di Econergia, azienda che in pochi anni ha saputo conquistarsi uno spazio di rilievo nel settore delle energie rinnovabili.

«Abbiamo creato la società nel 2011– ricorda Antonio Meloni – allora avevamo tutti meno di trent’anni. Siamo partiti dalla progettazione di impianti fotovoltaici di grande taglia, successivamente abbiamo cominciato a realizzare quelli “chiavi in mano” per poi estendere l’attività al campo delle rinnovabili in generale».

Abilità e professionalità che hanno permesso all’impresa con sede a Sestu di conquistare la fiducia di partner importanti come il principale ente distributore di energia elettrica «per il quale progettiamo linee elettriche aeree e interrate» e un grande operatore della GDO «per il quale curiamo la parte elettrica dei punti vendita».

Tra le specializzazioni c’è la realizzazione di reti elettriche intelligenti “in isola”, non connesse alla rete di distribuzione. «In un agriturismo isolato nella zona di Arbus abbiamo realizzato impianti capaci di fornire elettricità e acqua potabile impiegando esclusivamente fonti rinnovabili. Abbiamo inoltre sviluppato un sistema fotovoltaico “in isola” privo di accumulo per l’alimentazione diretta di elettropompe, particolarmente adatto per i pozzi in zone non raggiunte dalla rete elettrica».

Econergia tuttavia non lavora solo per le imprese. «Ci stiamo interessando anche alle utenze domestiche proponendo in un unico pacchetto gli impianti elettrico, termico e termo-idraulico con un controllo domotico che ottimizza i costi».

I tre professionisti hanno aderito a Sardex nel 2013 in nome del valore della cooperazione: «Ci siamo iscritti sia per ragioni di principio che per ragioni pratiche: le prime riguardano la nostra visione del lavoro, di natura convintamente collaborativa; le seconde hanno a che fare principalmente con la possibilità di allargare la nostra rete di potenziali clienti e collaboratori».

Da allora è stato un crescendo in termini di vivacità e di partecipazione: «La prima operazione è stata una progettazione elettrica per un aderente che produce e vende vernici, un cliente che senza Sardex non avremmo mai intercettato; nel tempo, è diventato il nostro riferimento per le pitture nelle ristrutturazioni edilizie. L’accordo più soddisfacente, invece, l’abbiamo concluso con un’impresa che effettua installazioni e a cui noi forniamo la progettazione; lo scambio è interamente in crediti e con beneficio reciproco».

Dinamismo testimoniato dalla varietà e dall’importanza dei lavori effettuati nel Circuito. «Abbiamo fatto diverse cose di rilievo – ricorda Meloni – dalla progettazione alla direzione lavori sino al coordinamento della sicurezza di un impianto eolico da 60 kW e, ancora, l’audit energetico di un’industria che produce materiali plastici. In tutti e tre i casi abbiamo offerto la nostra professionalità a clienti che altrimenti difficilmente si sarebbero affidati a noi. Un altro esempio, sotto questo profilo, è una progettazione elettrica per uno studio dentistico di Sassari».

Ma Sardex è pure un prezioso strumento per effettuare spese di natura personale «lo impieghiamo per alimentari e abbigliamento» e per sostenere investimenti. «Il network ci ha colpiti sotto tanti punti di vista, tra questi l’opportunità di godere di un massimale di scoperto, una sorta di piccolo prestito a tasso zero che è fondamentale per sostenere investimenti anche di una certa importanza».

INSERITO IN:

Tag:

I commenti sono chiusi.