Share
Creazioni Maestrodascia, l’artigianato artistico si compra anche in crediti

Creazioni Maestrodascia, l’artigianato artistico si compra anche in crediti

Dopo la laurea alla Sapienza di Roma in Disegno Industriale ed Ecodesign, Federico Coni è tornato ad Ales per lavorare nella falegnameria di famiglia. In Sardex dal 2010, rifornisce molte aziende del Circuito.

È nato a Oristano e vive ad Ales, centro della Marmilla, famoso per avere dato i natali ad Antonio Gramsci. È spesso in viaggio, di recente le sue creazioni si trovano anche su Amazon. Si chiama Federico Coni, meglio conosciuto come Maestrodascia, è un creativo, un intagliatore, un ebanista e un baloccaio. Soprattutto, un artigiano del legno che fa dell’artigianato artistico un mestiere.

maestrodascia

Dopo la laurea in Disegno Industriale ed Ecodesign, conseguita presso la facoltà di Architettura della Sapienza di Roma, con una tesi progettuale sui giocattoli in legno per l’infanzia, Maestrodascia è tornato in Sardegna. Ad Ales lavora nella falegnameria di famiglia, portando avanti la passione nata quando era bambino.

In Sardex dal 2010, era da tempo a conoscenza del lavoro preparatorio al network di imprese sarde per via dell’amicizia che lo lega ai fratelli Littera, cofondatori di Sardex. 

Il Circuito copre il 10% del fatturato annuo della ditta individuale Creazioni Maestrodascia. 

I crediti vengono spesi principalmente per acquisti personali, soprattutto presso alimentari e ristoranti, dove l’offerta del Circuito è molto vasta.

maestrodascia«Lavoro molto con i privati, soprattutto con enoteche e botteghe. Per esempio, ho rifornito di taglieri la macelleria Podda di Sanluri. Con Sapori di Sardegna collaboro spesso, mentre di recente ho comprato un paio di occhiali da Ottica Cosentino». Tutti esempi concreti di risparmio di preziosa liquidità.

«Per me Sardex», chiosa l’artista, «vuol dire principalmente moneta di scambio ad uso prettamente locale. Ho avuto subito nuovi clienti, in particolare per la fornitura di gadget per le loro attività o anche negozianti che rivendono poi ai loro clienti i miei prodotti».

Lascia un Commento